Gradient Bigolden 2/XC

Gradient BiGolden XC: per volare in biposto come con un monoposto avanzato

di Claudio Vigada

 


Volo in para dal 90 e in biposto dal 91, anche se saltuariamente.

Il biposto l’ho sempre impiegato per volare facendo le stesse cose che faccio con il monoposto, cioè un po’ di cross country volando o con mia moglie o con amici piloti per  voli didattici. Saltuariamente lo uso per “trasporto passeggeri” e  battesimi dell’aria.

Da un po’ di tempo sentivo la necessità di un nuovo biposto che avesse  prestazioni maggiori e più simili al mio monoposto “da corsa”, cioè buona efficienza, range di velocità esteso con l’uso di trim e buone doti di galleggiamento in condizioni deboli.

Nel contempo cercavo un’ala con un decollo ineccepibile sia con brezza sia in zero,  dolce e pronta  nella risposta ai comandi, sensibile ma soprattutto che  richiedesse poco sforzo: infatti, data la mia corporatura, la maggior parte dei biposti é troppo fisica e dopo 1-2 ore di volo sono veramente stanco.

Dopo aver provato varie e differenti ali ho testato il BiGolden 2 e il BiGolden 2 XC di Gradient, trovando finalmente quello che cercavo.

La vela sale facilmente in decollo con poco sforzo e con i miei 60 kg scarsi riesco a gonfiarla da solo senza problemi sia in zero vento sia con un po’ di brezza. La vela sale e si stabilizza facilmente sulla testa.

bigolden xc   in decollo

I comandi sono pronti e morbidissimi, più morbidi del mio singolo (Axis Mercury), la virata in termica fantastica: il BiGolden 2 é abbastanza ammortizzato e autostabile sia sugli assi  principali (beccheggio e rollio) sia sulle risposte in selletta che sono soft.

La versione XC, invece, é più “mobile” richiedendo un pilotaggio più attento sia in beccheggio sia in rollio mentre nel contempo trasmette molto di più i suoi movimenti sulla selletta.

Il BiGolden XC é più allungato, così come il fascio é un po’ più lungo.

Questo dovrebbe dare maggiori performances all’XC che però non é omologato come tandem in quanto è solo certificato per i test di carico (a differenza del Bigolden 2 che invece  è omologato EN B/ LTF 1-2)

 

Per il tipo di utilizzo che ne faccio ho scelto comunque la versione XC e ne sono pienamente soddisfatto.

In termica e in dinamica al minimo tasso di caduta é facile stare assieme a vele come i  Mercury, i Peak e gli Artik che volano nella mia zona, così come in transizione, specie nel mosso e nel controvento

Chiaramente il range di velocità  é più ridotto rispetto alle vele avanzate e, con miei 155 Kg max appesi sotto, volo a circa 37-38 a trim chiusi e arrivo a superare di poco i 45-46 Km/h di GPS a trim aperti.

Abbiamo visto che con 180 Kg sotto viaggia decisamente più veloce, ma dato che di norma volo con passeggeri non troppo più pesanti di me  difficilmente arrivo a quel peso.

bretelle bigoldenLa vela, anche a trim aperti, rimane molto stabile e solida sulla testa conservando un’ottima efficienza. Sulle bretelle sono presenti sia i trim,  che permettono circa 10 cm di corsa a picchiare sulle D e proporzionalmente sulle altre bretelle, sia l’acceleratore che opera in maniera similare.

Io ho sempre e solo usato i trim  e l’acceleratore non saprei nemmeno come collegarlo in quanto non sarebbe semplice da usare per il pilota con il passeggero davanti e non mi sembra il caso di farlo usare dal passeggero. Suppongo che Gradient possa aver montato delle bretelle del genere per un possibile uso del Bigolden XC anche per piloti XXXLarge (160 kg in volo)

In atterraggio la vela raccorda benissimo e allunga molto restituendo energia nello stallo finale. Di solito, arrivando mani alte in finale, mi dò  2 giri ai comandi  ed effettuo il raccordo a poco più di un metro da terra posandomi dolcemente  e pressoché fermo dopo alcuni metri rasoterra anche con vento quasi nullo.

L’ala sembra non stallare mai e se il passeggero rimane seduto in selletta lo appoggia dolcemente al suolo come se fosse su un cuscino.

In passato non mi era mai capitato di sperimentare un comportamento simile da un’ala biposto.

Che altro dire... dopo vari biposti provati, quello con il BiGolden XC per me é stato un vero “colpo di fulmine” e lo volo sempre con grande piacere. Per ora , data la stagione, ho fatto solo dei piccoli cross, tutti sotto i 50 Km, ma non vedo l’ora che le condizioni mi permettano qualche volo più serio.


 

Sostieni il sito

Se lo desideri puoi aiutare lo sviluppo di questo sito con una donazione libera. Qualsiasi importo è ben accetto!!!

chi è online

 10 visitatori online
       mmm   ,m,m
347px-logo_fivl